Seguici su: facebook Youtube

PROGETTO TEATRALE "A VOLTE NON ABITO QUI"


La rappresentazione di teatro-danza "A volte non abito qui" si propone come reinterpretazione drammaturgica dell’omonimo libro, edito nel giugno 2013 da FondazioneEpilessia Lice.

"A volte non abito qui" nasce come progetto teatrale, nell’intento di presentare i racconti e lepoesie contenuti nel volume con un coinvolgente happening che li ricomponga in un unicum, che tocchi e "risvegli” l’emotività del pubblico, collegandolo empaticamente al sentire delpersonaggio.

L’epilessia si racconta quindi tramite personaggi atipici ed atemporali, creati dalla ricomposizione di tutte le personalità e pulsioni che si sono espresse nei testi, dai differentiintimi vissuti, che vengono riassunti in un dinamico crescendo, rappresentativo del viaggio cognitivo ed emotivo proprio del malato, di chi lo circonda, della famiglia e della società in cuivive, nonché della sua crescita, nella convivenza ed accettazione della sua condizione.

Scopo della rappresentazione non è però quello di portare in scena solo l’aspetto più drammatico della malattia, quasi nulla nella sua rappresentazione vuole assumere accenti tragici; ogni emozione, azione, reazione, verrà portata in scena tramite una forma espressiva poetica e metaforica. Le due voci narranti, una femminile (solo registrata e fuori campo) ed una maschile (interpretata dall’attore in scena), non avranno perciò un nome, ma si costituiscono come figure concettuali che narrano l’evoluzione della malattia, con accenti a tratti comici, a tratti più oscuri e drammatici, a volte pacificamente rasserenanti, ma sempre poetici.

Si rappresenterà quindi l’Epilessia in un persorso narrante che interpreta tre fasi:

- La sua scoperta;

- Lo sconforto, la sofferenza iniziale, una metaforica traduzione scenica della Crisi;

- La consapevolezza ed accettazione della malattia ed il rinfrancamento con la vita stessa.

 

Guarda l'album con le foto dell'evento!